Ktop

0
GD Star Rating
a WordPress rating system

Restyling di siti internet: un’opportunità e non un problema

Davide 15 novembre 2012

A distanza di dieci anni dall'esplosione della bolla di internet del 2001 molte aziende si ritrovano con il “problema” del restyling del sito web. Nel corso di questi dieci anni molte tecnologie si sono evolute, la banda è diventata sempre più larga, ma soprattutto è cambiato il mercato di Internet, che si è evoluto dall'”avere un sito internet” all'”usare un sito internet“.

Il restyling di un sito internet è un problema perché, nella migliore delle ipotesi, l'abbiamo pagato ancora in lire e magari l'abbiamo pagato una cifra intorno al milione di lire. Nella peggiore delle ipotesi è stato realizzato negli ultimi anni e allora possiamo aver speso una cifra che va dai 500 euro se è stato fatto da un freelance o da un amico o anche qualche migliaio di euro se è stato realizzato da una web agency. Le cause che frenano le aziende a prendere la decisione di rivedere grafica e web-marketing per la propria presenza online sono fondamentalmente due: la prima è perché oggi, momento in cui Internet potrebbe essere un buon modo per far evolvere il proprio business, molti pensano di non potersi permettere l'investimento per il proprio progetto di restyling. La seconda è che, scottati dalla prima esperienza con il fornitore, non credono che si possa realmente utilizzare la presenza in rete per sviluppare il proprio business.

Secondo i più attuali parametri per la creazione di un sito internet moderno, e quindi con cui lavorare, instaurare delle relazioni con utenti, clienti, fornitori etc, i siti realizzati in passato possono non essere ottimizzati per i moderni parametri di indicizzazione di google e non utilizzabili per le moderne strategie di web-marketing. Le ragioni possono essere diverse:

  • sono composti da una singola pagina (il famoso sito vetrina)
  • sono composti da più pagine ma mancano dei contenuti interessanti e utili per gli utenti e di conseguenza per i motori di ricerca come Google
  • sono realizzati con tecnologie, flash per esempio, che danno un aspetto accattivante al look del sito ma non favoriscono l'indicizzazione
  • sono stati abbandonati per anni e quindi non hanno instaurato relazioni con altre realtà Internet

A controbilanciare gli aspetti negativi possiamo comunque trovarne di positivi e, se andiamo ad analizzare bene, nemmeno pochi. Anche solo l'essere stati lungimiranti molti anni fa ed aver creduto nella presenza in rete pubblicando il proprio sito, può tornare utile anche se fino ad oggi non è stato così. Anche in questo caso possiamo fare diversi esempi:

  • abbiamo già un pagerank dovuto all'anzianità del nostro dominio
  • abbiamo già delle pagine indicizzate all'interno delle quali andremo ad aggiungere contenuti interessanti
  • abbiamo già una base di relazioni con altri siti sulla quale costruire la nostra strategia di popolarità
  • abbiamo già un infrastruttura sulla quale appoggiare il nostro sito della quale conosciamo i costi

Questi due elenchi non sono esaustivi, ma danno uno spaccato abbastanza vicino alla realtà della situazione delle piccole e medie imprese italiane. Fare il restyling di un sito effettuando una buona analisi preliminare vuol dire partire già con una base più o meno buona che ci permetterà di ottenere dei risultati più veloci rispetto al partire con una pubblicazione da zero. Infatti ci permetterà di ottimizzare l'investimento sulla parte tecnica e di pianificare un investimento di marketing online che inizi a portare dei risultati concreti per il raggiungimento di nuovi clienti, la realizzazione di nuove vendite e per l'evoluzione della nostra immagine e del nostro brand in rete.

Se sei un'azienda di Torino contattaci per una consulenza gratuita: ti faremo un preventivo di investimento per il restyling del tuo sito e potresti scoprire che iniziare a sfruttare le potenzialità di Internet per la tua attività magari non ti costa tanto come ti aspetteresti.

Lascia un commento

About Author

Davide
Davide

La mia passione e il mio interesse per internet nascono nel lontano 1998 quando, lavorando per una società di organizzazione di eventi, me ne andavo in giro per l'Italia ad organizzare presentazioni di nuovi modelli di automobile e ad allestire gazebi per pubblicizzare note marche di birra o di prodotti di bellezza. Ai tempi del mitico sito di vendita di prodotti per lo sport, "giacomellisport" ho pubblicato con il contributo di due amici un sito di vendita online di prodotti sportivi della Mizuno, coronando nel contempo il sogno di laurearmi in Scienze della Comunicazione (senza lode, per chi ci tiene particolarmente). Nel 1999, frequentando con ottimi risultati il "Master in marketing e comunicazione" presso l'Unione Industriale di Torino, uno dei relatori con un buon occhio per i giovani promettenti mi presenta ad una società che si occupa di internet e di nuove tecnologie applicate al marketing e nel 2000 inizio a lavorare a tempo pieno per quello che mi ha sempre appassionato. Per i successivi sei anni ho avuto l'opportunità di lavorare a stretto contatto con grandi società del mondo internet e del mondo delle comunicazioni come MSN e Kataweb, e con grandi gruppi editoriali come il "Gruppo l'espresso". Ho partecipato all'organizzazione di eventi fieristici del settore internet come SMAU Milano. Mi piace il contatto con il pubblico ed il confronto su tutto quello che è nuovo e su tutto quello che è vecchio ma che è collaudato e funziona. Ho svolto tanta attività commerciale e sono entrato in contatto con tante realtà grandi (FIAT per fare nomi conosciuti) e piccole, ognuna con i suoi problemi e le sue specificità. Ho fatto consulenza per realizzazione di siti istituzionali, per grandi soluzioni per l’e-commerce, ma anche per la gestione della parte di webmarketing. Ho seguito, con specialisti del settore, attività di SEO, progettazione e gestione di campagne SEM, progettazione e gestione di strategie di posizionamento sui motori di ricerca utilizzando canali di social marketing e communities online per la brand e product awareness. Nel 2010 ho fondato la società Ktop con l'obiettivo di poter utilizzare quello che ho imparato in più di dieci anni di internet e marketing online scegliendo gli interlocutori i partner e le strategie in armonia con il mio pensiero e non con il pensiero di "accalappiare" un cliente costi quello che costi. Vedi tutti gli articoli per Davide →

Accedi al tuo account

Non ricordi la tuapassword ?

Registrati.