Ktop

1
GD Star Rating
loading...

Web marketing per piccole attività locali: alcune semplici azioni in grado di aumentare il rendimento del sito

Sara 18 dicembre 2012

L'attuazione di politiche di web marketing per le piccole attività è parte fondamentale di una strategia di business tesa a creare valore con il passare del tempo. Oggi vi daremo alcuni suggerimenti su piccole azioni di web marketing da mettere in pratica: si tratta di azioni semplici ed essenziali, ma di sicuro effetto.

Per prima cosa dovrete tenere conto del fatto che non esistono soluzioni standard, adatte a qualsiasi tipo di attività, ma che per ogni attività esistono azioni specifiche ed efficaci.

Uno dei principali errori commessi dalle piccole attività è quello di creare un sito aziendale senza porsi dei chiari obiettivi di marketing. L'errore è spesso indotto dal fatto che chi gestisce l'attività sia innamorato del proprio prodotto e ritenga quindi che i clienti non potranno non arrivare. Tuttavia è molto difficile che gli utenti cerchino qualcosa di cui ignorano l'esistenza. Per questo motivo il web marketing deve essere una parte integrante  del business plan complessivo.

Di seguito una serie di azioni per piccole attività locali fra cui scegliere le più adatte al proprio business.

1. Guest post: fra le tante tecniche per veicolare traffico al proprio sito e per farsi conoscere c'è sicuramente quella di scrivere dei guest post su blog attinenti alla propria attività, contenenti ovviamente un link al proprio sito. In questo modo non solo potrete aumentare il numero dei vostri visitatori, ma aumenterete anche i link verso il vostro sito, gesto molto apprezzato da Google.

A chi può essere utile: nuovi siti di qualsiasi genere che necessitano di far conoscere i propri contenuti e che hanno bisogno di aumentare il numero di link

2. Contenuti di qualità: abbiamo già parlato più volte dell'importanza di utilizzare un blog aziendale. Oggi parleremo invece dell'importanza della qualità dei contenuti. Riuscire a scrivere un testo dal contenuto davvero di qualità non è sempre semplice, ma è fondamentale riuscire ad inserire all'interno del proprio sito o del blog aziendale contenuti di elevata qualità, che dimostrino ai lettori le vostre competenze e che, quindi, li invoglino a tornare.

A chi può essere utile: qualsiasi tipo di sito cui si decida di dare una componente editoriale di un certo rilievo. Fondamentale tenere conto del fatto che non sarà sufficiente scrive un contenuto di rilievo, ma che si tratta di un'azione da compiere in modo costante nel tempo, non importa con quale frequenza, ma di sicuro con costanza.

3. Locale vs Globale: il web marketing, per essere davvero efficace deve sfruttare le ampie possibilità di geolocalizzazione oramai offerte da qualsiasi strumento. L'eccessiva generalizzazione del target, soprattutto in termini di area geografica, può condurre alla non efficacia della campagna e ad una inutile dispersione dell'investimento, soprattutto se la nostra attività è legata al territorio su cui risiede.

A chi può essere utile: attività fortemente radicate nel territorio, come negozi, attività artigianali e professionali, che hanno bisogno di raggiungere un target geograficamente affine alla propria posizione, perché in grado di offrire i propri servizi all'interno di un'area ben definita.

4. Ottimizzare le keyword: prima di scegliere le keyword per l'ottimizzazione del nostro sito, ovvero le parole chiave per le quali vogliamo essere trovati, è opportuno effettuare alcuni test per essere sicuri di selezionare quelle in grado di attirare più traffico. il modo più semplice e sicuro per testare le keyword è quello di fare una piccola campagna a pagamento attraverso la quale capire quali siano le keyword più utilizzate dagli utenti, in modo da concentrarsi poi su queste ultime nell'ottimizzazione dei contenuti del sito.

A chi può essere utile: qualsiasi tipo di sito. Si tratta di un'azione sufficientemente generica da poter essere considerata fondamentale per riuscire a strutturare i propri contenuti in modo coerente e non dispersivo. In fin dei conti il problema è sempre quello di non andare fuori tema.

5. Offrire contenuti premium: uno dei mezzi migliori per convincere gli utenti ad inserire la propria e-mail all'interno di un modulo è quello di offrire loro un contenuto “premium” in modalità gratuita. Può trattarsi di un report, di una ricerca, di un e-book o un qualsiasi altro contenuto di elevato valore. Questo tipo di contenuti viene normalmente offerto attraverso l'utilizzo delle cosiddette “squeeze page”, pagine con pochissimo contenuto, mirato a indurre il visitatore ad inserire in un'apposita form il proprio indirizzo e-mail per ricevere un contenuto di elevato valore in modo completamente gratuito. Ovviamente non tutte le squeeze page funzionano bene: dovrete testarne di differenti, in modo da capire quale sia la più efficace.

A chi può essere utile: a qualsiasi sito, ovviamente con distinzioni molto forti per quanto riguarda la tipologia di contenuti premium. Per esempio avrà senso offrire report o e-book come contenuti premium solo se la nostra attività si colloca nell'ambito di una consulenza di qualche tipo. Se invece abbiamo un negozio, il contenuto premium potrebbe essere un'offerta molto allettante o la possibilità di acquistare a prezzo scontato un prodotto in edizione limitata.

Tutte le azioni proposte possono, se utilizzate in modo efficace e studiate con cura, migliorare notevolmente il traffico di un sito web, anche di dimensioni minime e anche se estremamente di nicchia. Ovviamente non tutte dovranno essere applicate contemporaneamente, ma sarà necessario scegliere quale sia la più adatta alla nostra attività e poi gestirla in modo appropriato con il passare del tempo.

Comments (1)

Lascia un commento

About Author

Sara
Sara

Appassionata di web e nuove tecnologie, approccio il mondo internet prima per motivi di studio e poi come blogger, negli anni del boom di Splinder. Entrata a far parte della blogosfera resto affascinata dalla rete virtuale di scambio di opinioni e di flame che si crea di giorno in giorno. Entro nel magico mondo Wordpress e acquisto il mio primo dominio ed il mio primo servizio di hosting. Nel 2006 collaboro con un'azienda milanese su progetti di consulenza e partecipo a livello di ricerca materiali e case history alla stesura del libro "Impresa 4.0. Marketing e comunicazione digitale a 4 direzioni". Per la stessa azienda mi occupo del lancio del sito Firmiamo.it e della sua pubblicizzazione su web. Nel 2007 comincio a lavorare come web editor per un'azienda specializzata nell'e-commerce. Da qui comincia la mia "scalata" nel mondo delle professioni del web, passando per attività di SEO, consulenza web in diversi ambiti e attività di store manager. Dal 2010 lavoro in Ktop, con l'obiettivo di mettere a frutto l'esperienza accumulata e di continuare a sperimentare i nuovi strumenti messi a disposizione dal Web in modo creativo ed originale. Vedi tutti gli articoli per Sara →

Accedi al tuo account

Non ricordi la tuapassword ?

Registrati.